Le sonde PT100 sono dispositivi garantiti e sicuri per misurare la temperatura con grande precisione. È possibile scegliere tra un vasto assortimento di sonde di questo tipoSono, infatti, ideate, fabbricate e vendute di diverse forme, grandezze e materiali e sono, di solito, utilizzate in quei campi di applicazione dove la "temperatura massima di lavoro" è maggiore o pari a 650°C.Il loro largo uso è dovuto proprio al fatto che si prestano a molteplici impieghi e che siano affidabilissime e durature nel tempo, non rappresentano strumenti ingombranti, ma adatti a misurare la temperatura anche in spazi stretti e sono estremamente precisi.

Caratteristiche di un modello standard di sonda PT100

Un modello tipico è costruito a forma di cilindro ed è rivestito con guaina doppia fino a otto millimetri del tipo "AISI304", adatto a misurare la temperatura in maniera molto precisa. La robustezza e lo spessore dalla guaina della sonda Pt100, per proteggere la sonda da urti e dal contatto con agenti corrosivi, vengono scelti dal cliente. Inoltre:

  • Il cavo che fuoriesce dalla guaina è rafforzato è coperto da una molla in acciaio inossidabile. 
  • Presenta due alloggi per elementi sensibili e possono essere collegati dai due fino a un massimo di quattro fili.
  • Ha una capacità di resistenza pari a "100 Ohm a 0°C."e pari a "138.4 Ohm a 100°C".
  • Sono ad alto risparmio energetico e sono disponibili nelle classi "A,B o AA".

Tra i loro possibili impieghi, in campo industriale e nei laboratori dove è richiesta la misurazione della temperatura, grazie alla loro impermeabilità, compare anche quello in immersione prolungata in acqua, olio e qualsiasi altro liquido.
Inoltre, se corredate della "testa di connessione" possono essere usate per sondare gli impianti.

Garanzia e sicurezza 

Tutte le sonde PT100 prima di essere vendute vengono valutate col controllo qualità. Infatti, viene verificato che tutte le parti e gli elementi del sensore siano perfettamente efficaci e funzionanti e che siano rispondenti alle disposizioni di legge atte a prevenire e fronteggiare ogni rischio e pericolo. Le PT100 sono infatti progettate e realizzate nel rispetto delle leggi internazionali e con l’utilizzo di materiali a norma CE.

Sono costruite in platino e in alternativa possono su richiesta del cliente, sempre in conformità di legge, essere costruite con altre caratteristiche e misure del cavo su richiesta e rispondenti alle diverse esigenze del cliente. Esistono sonde a filo avvolto e sonde a film sottile.  

  • quelle a filo avvolto hanno il nucleo, attorno al quale gira un sottilissimo filo di platino, in vetro o ceramica,
  • quelle a film sottile hanno una parte interna più resistente in ceramica. 

Tra le due tipologie di sonda quelle a filo avvolto sono risultate migliori perché più pratiche e precise.

La misurazione della temperatura

Le sonde PT100 certificate e brevettate in massima sicurezza, collegate ad appositi strumenti, attraverso un processo fisico, rivelano la misurazione della temperatura. Inoltre grazie alla loro alta sensibilità, alla loro forte resistenza, e alla grande impermeabilità delle parti sia interne che esterne del sensore, riescono a fornire una risposta quanto più corretta e precisa possibile, anche se impiegate in condizioni difficili.

Occorre sapere che tali sonde sono delle "termoresistenze", cioè sensori con temperatura e resistenza elettrica in stretta connessione dove al variare di una misura varia anche l’altra. Avendo la sonda PT100 un "coefficiente" positivo, i due valori della temperatura e della resistenza variano aumentando.

Per questo motivo si dice che ogni sonda di questo tipo, sottoposta a una corrente costante, risponde in "tensione proporzionale alla temperatura", una caratteristica comune a tutti i sensori. Per la trasmissione costante della corrente si può utilizzare un "regolatore" di tensione. Proprio il fatto che siano ideate e costruite con coefficiente positivo le rende più stabili anche in un lungo periodo. Perché la misurazione della temperatura avvenga in modo preciso occorre che la sonda sia connessa a un valido strumento per la regolazione e che non ci sia l’interferenza di termoresistenze differentii, per evitare che si verifichino errori.

I sensori PT100, a differenza di altri modelli, sono dei dispositivi facilmente configurabili perché hanno un ingresso compatibile con la maggior parte degli strumenti per la regolazione e gli alimentatori in commercio. La termoresistenza può essere collegata a un "trasmettitore" attraverso un collegamento che utilizza due, tre o perfino quattro fili. Il modo per avere una misurazione quanto più accurata e precisa possibile consiste nell’utilizzare una PT100 a quattro fili, in continuo isolamento rispetto all’interferenza delle tensioni esterne.

Con l’utilizzo di questo tipo di collegamento a quattro fili diminuisce l’influenza del "cablaggio", cioè non intervengono, o comunque in maniera inferiore, tensioni esterne che si confondono con quella della sonda, determinando una cattiva valutazione e un risultato non corretto della temperatura. L’utilizzo del collegamento a quatto fili necessita, però, di un "amplificatore operazionale in configurazione differenziale" che favorisce una risposta rapida e precisa.