DEFINIZIONE DESCRITTIVA DEL TERMOSTATO:

Si tratta di uno specifico apparecchio anche piccolo, che serve per far funzionare a distanza i termosifoni per un riscaldamento interno o anche domestico e per misurare la temperatura e l'umidità interna,dell'ambiente in cui si trova. Il termostato deve essere comunque installato, da un tecnico competente anche presso la propria abitazione e in una posizione adatta,a rilevare bene la temperatura generale e può essere collegato ad una caldaia con dei fili elettrici.

DESCRIZIONE DETTAGLIATA DEL FUNZIONAMENTO CORRETTO DEL TERMOSTATO:

Il termostato si compone da uno specifico interruttore di accensione e spegnimento automatico della caldaia e dei termosifoni, che si aziona con un segnale trasmesso da un suo sensore interno con la variazione delle temperatura interna misurata, rispetto a quella impostata sullo stesso apparecchio elettrico, per ogni determinata ora. L'interruttore si aziona causando l'accensione automatica dei termosifoni per il riscaldamento ogni volta,che la temperatura interna diminuisce raggiungendo un valore inferiore, misurato rispetto a quello programmato. Esso invece si aziona per lo spegnimento automatico dei termosifoni in funzione, ogni volta che la temperatura interna misurata dal termostato, aumenta superando anche il valore programmato,di quella che si vuole avere in determinati orari.
Le variazioni della temperatura interna anche della propria abitazione che aumenta o diminuisce, vengono misurate sensibilmente da un componente del termostato, che permette di far azionare l'interruttore ogni volta, che la temperatura interna non corrisponde con quella impostata e che si vuole ottenere, sia per l'accensione che per lo spegnimento automatico dei termosifoni per il riscaldamento.
Può essere usato anche per misurare l'umidità presente nell'aria dell'ambiente circostante in cui è stato installato, tramite il funzionamento di un suo componente interno chiamato polimero idrofilo, che reagisce sensibilmente al contatto e alla percezione di una diversa quantità di molecole esterne di acqua mischiata con l'aria ed assorbite, per rilevarne esattamente il valore corrispondente dell'umidità.


FUNZIONAMENTO GENERALE DEI SENSORI E IN MODO SPECIFICO DI UN TERMOSTATO:

Il sensore può consistere in un componente metallico o fluido di un termostato, che trasforma la percezione del calore assorbito, in un segnale digitale o analogico trasmesso,per misurare la relativa temperatura interna. La temperatura rilevata viene anche confrontata con quella impostata o programmata, da ottenere e di conseguenza se ne aziona l'interruttore, se non corrispondono. L'interruttore successivamente trasmette un suo impulso elettrico, che può avere la reazione di far accendere o spegnere anche la caldaia e i relativi termosifoni, per un riscaldamento interno dell'ambiente.

DESCRIZIONE DELLE DIVERSE TIPOLOGIE DI TERMOSTATO:

Esistono ben 4 diverse tipologie di termostati in commercio, elencati di seguito:
-Meccanico;
-Elettronico;
-Ad immersione;
-Antigelo;

Si differenziano, per il loro funzionamento caratteristico che avviene comunque con dei sensori, che servono a misurare delle temperature esterne in ambienti diversi, con dei segnali trasmessi agli interruttori. Hanno anche una loro applicazione diversa e se ne consiglia l'uso corretto, per ogni loro specifica utilità.
Essi possono regolarmente funzionare grazie a dei sensori che come componenti liquidi o metallici, hanno la capacità di ricevere ed assorbire il calore esterno,o delle molecole di acqua presente nell'aria, trasmettendo di conseguenza un proprio segnale all'interruttore, utilmente per poter comunicare una temperatura rilevata, anche per l'accensione e lo spegnimento di un riscaldamento
e l'umidità interna del loro ambiente.
Il termostato meccanico può essere regolato manualmente, anche con l'uso di una rotellina e presenta la caratteristica di non essere proprio preciso,per la misurazione di una temperatura interna di un determinato ambiente, o anche per accendere e spegnere dei sistemi di riscaldamento.
E' poco consigliabile per i suoi usi,anche nella propria abitazione.
Il termostato elettronico è dotato di un display digitale, anche a differenza di quello meccanico, usato per comunicare l'orario, i giorni della settimana e la temperatura misurata del proprio ambiente circostante, anche con molta precisione. Se ne consiglia l'uso nella propria abitazione, o anche in altri ambienti per azionare e spegnere un riscaldamento, per la rilevazione precisa della temperatura interna. Risulta essere anche più comunemente diffuso,degli altri termostati.
Vi è poi quello ad immersione, che funziona solamente se viene immerso in una determinata quantità di liquido come ad esempio: l'acqua, per misurarne esattamente la sua temperatura,tramite un suo sensore interno. Si consiglia l'uso solo in delle vasche, riempite di acqua o di altri liquidi o in serbatoi anche ad uso industriale per le imprese.
Esiste anche il termostato antigelo usato, con il funzionamento di un sensore interno, per misurare o quantificare la reale temperatura, in determinate tubature di acqua,in condotte aeree e scambiatori di calore,perchè bisogna sapere quando essa sta per scendere sotto a dei valori minimi o molto bassi, con il rischio di eventuali rotture o danni, da poter prevenire.